Scopri la spezia

Timo

Sfumatura

Aromatica

Intensità:

abbinamento:

La sfumatura sensoriale aromatica arricchisce di personalità e di gradevoli sfumature i piatti

Scopri di più

La sfumatura sensoriale aromatica è piena, avvolgente, armonica e permette di esaltare tutte le note sensoriali delle altre spezie. È un validissimo esaltatore di tutte le altre sfumature. È in grado di generare un’interessante e importante sensazione retrolfattiva in grado di enfatizzare il sapore e l’aroma della pietanza.

Armonioso nell’espressione e concreto nella sensazione. Questa è una vera alleata della sana alimentazione perchè riesce a conferire gusto e sfumature ai piatti, permettendo di ridurre la quantità di sale che introduciamo nelle nostre preparazioni. Queste spezie ed erbe aromatiche, ricche di proprietà organolettiche, riescono a conferire un aroma e un sapore complesso, ricercato, piacevole e sfaccettato.

Nella nostra selezione “Sfumatura sensoriale aromatica” raccoglie spezie ed erbe aromatiche, prevalentemente quelle della tradizione culinaria italiana, in grado di fornire gradevoli sfumature ai piatti della nostra cucina quotidiana. Gusto, ricercatezza, piacevolezza, colore ai piatti… in modo sano e naturale!

Come estrarre al meglio l’aroma?

Aggiungendolo direttamente sulla pietanza o per infusione.

Con quale spezia può essere sostituita?

Origano, maggiorana, pimpinella

Su cosa è particolarmente indicata?

Zuppe, stufati, pollame, agnello, verdure e frutti di mare

Composto aromatico principale

Timololo

zone di percezione:

Le spezie ed erbe aromatiche riescono a conferire un aroma e un sapore complesso, ricercato, piacevole e sfaccettato. Sono in grado di generare una interessante e importante sensazione retrolfattiva in grado di enfatizzare il sapore e l’aroma della pietanza.

Attenuata da:

Sfumatura sensoriale piccante

Equilibrata da:

Sfumatura sensoriale fresca

Rinforzata da:

Sfumatura sensoriale umami e sapida

Si abbina con:

Sfumatura sensoriale sapida, umami, fresca e piccante

Analisi

Sensoriale

"Sapido delicato ed equilibrato."
Il timo è una pianta arbustiva perenne, che cresce spontaneamente in prossimità del mare, ma anche in terreni aridi e sassosi. Il suo nome deriva dal termine greco “thymos”, che designa il principio della vitalità, il respiro e metaforicamente, il cuore. In quest’ultimo secondo gli antichi greci albergavano l’ira, il coraggio e l’ardore. Si tratta di un arbusto di dimensioni ridotte, dalle piccole foglie di un profumo intenso e immediatamente avvertibile. Il timo è quasi indispensabile nella cucina dei Paesi del Mediterraneo. Queste piccole foglioline donano alle pietanze un gradevole sapore piccante e leggermente amaro. Viene usato prevalentemente essiccato perché in questo modo il suo sapore risulta più intenso.

la
Pianta

Il timo è una pianta erbacea aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. La troviamo spessissimo, oltre che negli orti, in tantissime aiuole.
Si presenta sottoforma di arbusto di piccole dimensioni, in genere alto non più di 40 cm e largo 30 cm. Le foglioline sono color verde-grigio, dalla forma lineare. I fiori sono di color rosa, bianco o lilla. La moltiplicazione avviene sia per semina che per talea. È una pianta particolarmente presente nei luoghi aridi, in pianura ma anche in montagna fino ad un’altezza di 1000 m. Predilige i climi temperati ma resiste molto bene anche a temperature sotto lo zero, purché durino un breve periodo.
R

Sapore

chiaramente elegante e persistente
R

Aroma

erbaceo legnoso, corteccia cuoio
R

Colore

verde scuro

nel
Mondo

Origine della pianta

Mediterraneo orientale

I principali produttori delle spezie

Marocco, Egitto ed Europa

Origine

Europa Meridionale

Nome botanico

Thymus vulgaris L.

Periodo fioritura

Da marzo a ottobre

Colore del fiore

Bianco e lillà

Periodo basamico

Giugno

Quale parti si utilizza della pianta

Foglie, raccolte usualmente durante il periodo di piena fioritura della pianta che successivamente vengono essiccate

Per non sprecarla:

Usa il timo per creare una piacevole atmosfera in casa. Mettilo in infusione in una pentola d’acqua e porta il tutto ad ebollizione. Il profumo che si sprigionerà invaderà tutta la tua casa. Fate solo attenzione a non far asciugare troppo l’acqua. In alternativa potete usare un piccolo profumatore che sfrutta il calore di una candela. Mettete nella parte superiore l’acqua con all’interno il timo e pian piano che questa si scalderà comincerà a sprigionare il suo aroma.

Ricette
tipiche:

Risotto limone e timo, Scaloppine al timo, Carciofi al timo alla pugliese.

Miscele dove è presente:

Za'atar, Berberè, African Rub, Erbe di Provenza

Storia:

Gli Egizi utilizzavano questa spezia estremamente profumata per preparare gli unguenti per l’imbalsamazione. Utilizzavano proprio il timo perché erano convinti che nei suoi fiori potesse risiedere l’anima dei defunti. I Greci erano dei grandi amanti del miele prodotto dai fiori di questa pianta. I Romani invece sfruttavano le sue proprietà antisettiche per conservare gli alimenti, per purificare l’aria degli ambienti chiusi e per aromatizzare alcuni alimenti. Inoltre, le proprietà medicinali e culinarie di questa pianta in passato erano così note che Carlo Magno ordinò che il timo fosse coltivato in tutti i giardini erboristici e negli orti dei monasteri.

Curiosità:

Nell’antichità il timo rappresentava il coraggio e l’ardore, tanto che i soldati prima di andare in battaglia, si ricaricavano con tisane al timo e tonificavano i loro corpi con dei bagni a base di timo.

le vostre
domande

Dove lo trovo
sullo scaffale?

6° piano
Sezione sinistra e destra
Colore VERDE SCURO

In che formato
è disponibile?

Come si
conserva?

Il timo essiccato va conservato a temperatura ambiente, al riparo dalla luce, in un luogo fresco e asciutto.

Contiene
glutine?

Il timo in natura non contiene glutine.

Raccolta
differenziata

Verifica le disposizione del tuo comune.

Seguici sui social

error: Contenuto protetto!