fbpx

CURCUMA

CHE COS'E' LA CURCUMA?

La curcuma è diventata una star negli ultimi anni, grazie alle proprietà incredibili che sembrano connesse alla curcumina contenuta da questo rizoma. Numerose ricerche scientifiche cercano di accertare la correlazione tra questa e numerosi benefici per gli organismi. È diffusa spontaneamente in tutta l’Asia del Sud, dall’India alla Malesia, è soprannominata lo “zafferano delle Indie”, grazie al suo colore brillante. Il forte potere colorante di questi rizomi sono diventati fonte di spunti per diversi usi, come la tintura di stoffe e tessuti, la colorazione della carta e il make up. Da secoli è un elemento fondamentale della cucina orientale e araba.

DA DOVE VIENE?

È originaria dell’Asia Sud-Orientale, in particolare dell’India e della Malesia.

AROMA E GUSTO

Molto delicato, leggermente tendente all’amarognolo.

CONTIENE GLUTINE?

La Curcuma in natura non contiene glutine.

QUANDO SI RACCOGLIE?

Prima dell’inizio della primavera.

COME SI CONSERVA?

La curcuma va conservata a temperatura ambiente, al riparo dalla luce, in un luogo fresco e asciutto.

FORMATI DISPONIBILI

100 cc; 65 cc; PET 800 cc; Busta da 1000 cc; Disponibile anche nella Linea Bio;

ABBINAMENTI


STORIA E CURIOSITA' SULLA CURCUMA

Uno dei primi ad innamorarsi di questo rizoma fu Marco Polo, tanto che ne parlo su “Il Milione”. Questa spezia nella tradizione orientale è usata da millenni. La ritroviamo già nelle cerimonie religiose Indù già nel 2000 a.C.. I buddisti la consideravano la spezia del buon augurio e delle benedizioni, tanto che in alcune regioni la utilizzavano per tingere il tessuto degli abiti dei monaci. L’antica tradizione orientale ha sempre riconosciuto a questa spezia importanti proprietà. Oggi anche la medicina tradizionale sta compiendo numerosi studi sulla curcuma ed in particolare sulla curcumina da essa contenuta. Secondo una leggenda indiana, la Curcuma sarebbe la spezia della bellezza, preziosa come il raso e più soffice. Il suo colore dorato, che ricorda l’alba, secondo questa credenza, sarebbe in grado di restituire la bellezza alle donne che ne fanno uso, soprattutto alle giovani spose. Questa credenza la considera inoltre come la spezia del buon augurio e per tale ragione veniva spalmata sulla fronte dei neonati e sugli orli degli abiti nuziali.

#DAIPEPEALLATUAVITA CON LA CURCUMA DI ITALPEPE