fbpx

CORIANDOLO

CHE COS'E' IL CORIANDOLO?

Il coriandolo sembra sia la spezia più coltivata al mondo ed anche una delle più antiche, visto che i suoi semi sono stati ritrovati raffigurati nelle piramidi egizie. In Italia il coriandolo è utilizzato come aromatizzante di alcuni liquori digestivi, sottaceti e salumi, dove è contenuto per intero. I semi danno il loro meglio se vengono macinati sulle carni cotte.

DA DOVE VIENE?

Probabilmente arriva dalla Grecia o dall’Asia Minore.

AROMA E GUSTO

Piacevole e delicato, gusto agrumato e speziato.

CONTIENE GLUTINE?

Il Coriandolo in natura non contiene glutine.

QUANDO SI RACCOGLIE?

Da luglio a settembre.

COME SI CONSERVA?

I semi di coriandolo vanno conservati a temperatura ambiente, al riparo dalla luce, in un luogo fresco e asciutto.

FORMATI DISPONIBILI

100 cc; 65 cc; PET 800 cc; Busta da 1000 cc;

ABBINAMENTI


STORIA E CURIOSITA' SUL CORIANDOLO

È molto probabilmente una delle spezie più antiche. Se ne parla persino nel Vecchio Testamento. Nelle antiche civiltà mediterranee trovò largo impiego come pianta aromatica e medicinale e nell’antico Egitto è stato trovato raffigurato come offerta a un rituale. I Romani lo utilizzavano pestato e miscelato al sale a all’aceto per conservare i cibi. Nel Medioevo lo utilizzarono come aromatizzante della birra. Il nome dei caratteristici coriandoli che invadono le nostre strade durante il Carnevale, deriva proprio da questa spezia. Questi semi venivano ricoperti di zucchero colorato e lanciati dai carri di Carnevale durante la sfilata. Successivamente questi vennero sostituiti dai dischetti di carta da un milanese nel 1800.

#DAIPEPEALLATUAVITA CON IL CORIANDOLO DI ITALPEPE