Scopri la spezia

Cannella

Sfumatura

DOLCE

Intensità:

abbinamento:

La sfumatura sensoriale dolce rende speciali brodi aromatici, dolci (sia fritti che al forno) e dessert

Scopri di più

La sfumatura sensoriale dolce fa riferimento alla qualità gustativa dovuta alla stimolazione dei recettori del dolce presenti sulla lingua da parte degli zuccheri o da altre molecole dette per questo dolcificanti. La nostra selezione “I dolci” è composta da spezie ed erbe aromatiche che in natura hanno una base dolciastra. Il dolce è uno dei sapori più apprezzati, insieme al salato e all’umami. Questi sono particolarmente amati in modo innato perchè sono legati a molecole indispensabili alla vita (zuccheri, sodio e amminoacidi). Il dolce infatti è associato a sostanze che hanno interessanti e elevati valori nutritivi.

Più è Bassa la temperatura della preparazione meno sarà intensa la sensazione. Per tale ragione infatti abbiamo necessità di aggiungere più zucchero nella preparazione di un gelato rispetto a quando prepariamo una bevanda calda. Il gusto dolce è in grado di smorzare l’amaro e l’aspro ed equilibrare il salato.

Le spezie della selezione “Sfumatura sensoriale dolce” di Italpepe, sono particolarmente indicate e consigliate per rendere gustosi e originali brodi aromatici, dolci (sia fritti che al forno) e dessert.

Come estrarre al meglio l’aroma?

Aggiunta nella marinatura prima di portare un alimento in cottura o unita ad oli o grassi animali. Ideale nella panificazione e nella pasticceria.

Con quale spezia può essere sostituita?

Unica, non può essere sostituita con nessun'altra spezia

Su cosa è particolarmente indicata?

Biscotti, creme, budini, strudel, mele e dolci in generale.

Composto aromatico principale

Cinnamaldeide

zone di percezione:

Questa qualità gustativa è legata alla stimolazione dei recettori del dolce presenti sulla punta della lingua da parte degli zuccheri o da altre molecole dette per questo dolcificanti. Più è bassa la temperatura della preparazione meno sarà intensa la sensazione.

Attenuata da:

Sfumatura sensoriale umami

Equilibrata da:

Sfumatura sensoriale aromatica

Rinforzata da:

Sfumatura sensoriale fresca o piccante

Si abbina con:

Sfumatura sensoriale aromatica e fresca

Analisi

Sensoriale

"Neutra di base con alcuni sentori amari e sapidi."
La cannella è una delle spezie più calde e dolci. Nella cultura occidentale è molto usata nella pasticceria, mentre in quella orientale anche nelle preparazioni salate. Già nota a Greci, Romani ed Egizi, la cannella è una delle spezie più antiche. Proveniente dall'Oriente, il suo profumo inebriante conquisto nobili e aristocratici in tutto il mondo, tanto da venir considerata la “Spezia dei Re”.

la
Pianta

La cannella è un albero sempreverde appartenente alla famiglia della Lauraceae. Quando si parla di cannella dobbiamo distinguere tra Cinnamomum zeylanicum e Cinnamomum cassia, più comunemente conosciuta come cannella cinese.
Un albero di cannella è alto circa 15 metri. Le sue foglie sono di forma ovale, disposte in maniera opposta e hanno una lunghezza di circa 18 cm. I rami giovani sono particolarmente rugosi, tendenti al grigio. I fiori sono raggruppati in infiorescenze bianche dalle quali successivamente si genera il frutto. La spezia si ricava dal fusto e dai ramoscelli i quali vengono efficacemente trattati, assumendo la forma di una piccola pergamena arrotolata. Il sapore della cannella ha vaghe somiglianze con i chiodi di garofano. Si riproduce attraverso la semina, per talea o per divisione dei cespi. La semina si svolge durante la stagione primaverile. La cannella cresce spontaneamente nelle foreste e nei boschi a clima tropicale.
R

Sapore

Fresco, rotondo, aromatico.
R

Aroma

Erbaceo.
R

Colore

Verde deciso.

nel
Mondo

Origine della pianta

Sri Lanka

I principali produttori delle spezie

Brasile, India, Madagascar, Egistto, Myanmar, Vietnam, Sri Lanka, largo della costa orientale dell'Africa

Origine

È originaria dello Sri Lanka.

Nome botanico

Cinnamomum zeylanicumCinnamomum aromaticum (cassia)

Periodo fioritura

Da maggio a settembre

Colore del fiore

Bianco, bianco-verdastro

Periodo basamico

La cannella può essere raccolta dopo 2-3 anni che è stato piantato l'albero

Quale parti si utilizza della pianta

Si può ottenere dai rami o dai fusti. Nel corso dell'essiccazione viene rimossa la parte esterna della corteccia. Una volta che si procede con l'essiccazione, la cannella assumerà il tipico aspetto del bastoncino arrotolato su sé stesso.

Per non sprecarla:

La cannella, dall’odore molto più gradevole della naftalina, può essere utilizzata per tenere lontane le tarme dall’armadio. Inserisci la cannella nei sacchetti di cotone e poi riponili nell’armadio e nei cassetti. Ti consigliamo di aggiungere chiodi di garofano ed alloro per ottenere un profumo più intenso e gradevole. Puoi utilizzare la cannella per tingere i tessuti. Il procedimento è semplicissimo: 1- Inserisci la spezia in acqua e porta il tutto ad ebollizione per circa un’ora. 2- Filtra la spezie e rimetti sul fuoco l’acqua. Porta nuovamente ad ebollizione. 3- Togli il tutto dal fuoco e immergi il tessuto che vuoi tingere per circa 12 ore. Successivamente elimina l’acqua in eccesso e mettilo ad asciugare. 4- Fissa il colore immergendo il tessuto in una soluzione di aceto bianco e acqua (proporzione consigliata 1:4). Lascia in ammollo per almeno 30 minuti, rigirando di tanto in tanto i capi con le mani dopo aver indossato un paio di guanti. 5- Togli il tessuto dal liquido e mettilo ad asciugare. Infine lava il capo con acqua fredda e un detersivo per capi delicati. Procedi con un normale lavaggio per capi delicati. Infine, puoi usarla anche per fare dei colori naturali con cui dipingere. L’effetto ottenuto sarà molto simile a quello di un acquarello. Il procedimento è molto semplice: 1- Inserisci la polvere in un contenitore di vetro (andrà benissimo il vasetto Italpepe); 2- Versa dell’acqua molto calda e lascia in infusione mescolando a intervalli regolari; 3- Fai raffreddare e poi filtrala con un colino. Il colore è pronto per essere usato! Il rapporto tra polvere e acqua che consigliamo è di 1:3. Per rendere più resistente il tuo colore alla luce, ti consigliamo di aggiungere durante l’infusione della vernice protettiva resistente ai raggi UV (proporzione tra acqua e vernice 2:3).

Ricette
tipiche:

Strudel, Pan di zenzero, Pastiera Napoletana, Kanelbullar, Panpepato, Sangria

Miscele dove è presente:

Mix di spezie per Vin Brulè, Garam masala, Jerk giamaicano, Sambar Masala, Advieh, Apple pie spice, Baharat, Berberè, Cinque spezie, Gaalat Dagga, Kamsa, Shawarma, Tandoori masala, Old bay seasoning, Pampkin pie spice, Ras el hanout, Sambar Masala, Quattro spezie

Storia:

La storia di questa spezia nasce nella lontana Cina, dove il suo uso in campo medico era già attestato nel 2700 a.C.. Nel Medioevo la cannella divenne simbolo del potere di nobili e aristocratici, a tal punto che la quantità di cannella utilizzata nei banchetti era proporzionale all’importanza degli ospiti che vi partecipavano. In passato è stata adoperata come dono per re e regine. Inoltre fu alla base del potere commerciale di Venezia.

Curiosità:

Il particolare e forte aroma della cannella era l’elemento che ha determinato il suo prestigio. Già in epoca romana i traffici per il pepe e la cannella erano molto intensi: si documenta un valore di 100 milioni di sesterzi all’anno, che oggi equivarrebbero a 65 milioni di euro. La necessità di conoscere nuove rotte commerciali per importare le spezie che il mercato richiedeva, fu la principale motivazione che spinse Marco Polo a compiere il suo celebre e lunghissimo viaggio in Oriente.

le vostre
domande

Dove lo trovo
sullo scaffale?

5° piano
Sezione destra
Colore MALVA

In che formato
è disponibile?

Come si
conserva?

La cannella va conservata a temperatura ambiente, al riparo dalla luce, in un luogo fresco e asciutto.

Contiene
glutine?

La cannella in natura non contiene glutine.

Raccolta
differenziata

Verifica le disposizione del tuo comune.

Seguici sui social

error: Contenuto protetto!