Scopri la spezia

Aneto

Sfumatura

Fresca

Intensità:

abbinamento:

La sfumatura sensoriale fresca valorizza le verdure crude e alla griglia, le insalate e i carpacci

Scopri di più

La sfumatura sensoriale fresca indica la sensazione che percepiamo quando alcuni principi attivi riescono ad ingannare il nostro sistema nervoso, in particolare i recettori adibiti a rilevare gli abbassamenti di temperatura denominati TRPM8. Alcune piante, come ad esempio la menta o l’eucalipto, possiedono dei principi attivi (in questo caso mentolo ed eucaliptolo) che sono in grado di interagire con la struttura del recettore TRPM8, scatenando così la risposta al freddo. La sfumatura sensoriale fresca dona una sensazione di pulizia al palato, di freschezza e armonia.Facilita la salivazione e crea un piacevole equilibrio sensoriale.

Una nota fresca ai piatti è molto apprezzata nella nostra tradizione culinaria. In estate, attribuiamo una nota di piacevole freschezza a piatti freddi, verdure, carpacci, insalate e bevande. In inverno invece non c’è niente più ristoratore di una tisana, un the o un infuso con le gradevoli, ricercate e raffinate note fresche della menta, del cardamomo o dell’anice.

La nostra selezione “Sfumatura sensoriale fresca” raccoglie spezie ed erbe aromatiche in grado di donare questa piacevole sensazione ai piatti e alle bevande. In particolare è in grado di rendere speciali verdure crude e alla griglia, carpacci e insalate.

Come estrarre al meglio l’aroma?

Pestandolo o mettendolo in infusione a caldo, in acqua o in olio aromatizzato

Con quale spezia può essere sostituita?

Semi di finocchio o semi di finocchietto

Su cosa è particolarmente indicata?

Salmone, uova, maiale, selvaggina, arrosto

Composto aromatico principale

Carvone

zone di percezione:

È la sensazione che percepiamo quando alcuni principi attivi riescono ad ingannare il nostro sistema nervoso, in particolare i recettori adibiti a rilevare gli abbassamenti di temperatura, scatenando così la risposta al freddo.

Attenuata da:

Sfumatura sensoriale umami, sapida e amara

Equilibrata da:

Sfumatura sensoriale aromatica

Rinforzata da:

Sfumatura sensoriale dolce e piccante

Si abbina con:

Sfumatura sensoriale piccante, dolce e aromatica

Analisi

Sensoriale

"Sentore mentolato, fresco, vegetale e vagamente pungente."
L'aneto, il cui nome scientifico è Anethum graveolens. È molto simile al finocchio, tanto da essere definito “finocchio bastardo”. Il suo fresco aroma ricorda il finocchio, l’anice, il cumino e la menta. Il suo aroma deciso è utile per insaporire pesce, carne, verdure e uova. Lo troviamo in moltissimi piatti dei paesi nordici, nei paesi dell’Europa dell’Est e in quelli asiatici. In Italia non è molto diffuso nella tradizione culinaria italiana, ma è un ingrediente in grado di dare una nota intrigante ai piatti.

la
Pianta

L’aneto è una pianta erbacea annuale che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere, che si trova facilmente nei nostri territori allo stato selvatico, sia in pianura sia in collina ad un’altitudine di massimo 600 m.
Ha un aroma intenso che ricorda quello dell’anice e del cumino. La pianta può essere confusa facilmente con quella del finocchio selvatico, per questo viene anche chiamato “finocchio bastardo”. Presenta un fusto che può raggiungere i 50-60 cm di altezza, è cavo all’interno e ha un colore verde chiaro. La fioritura è presente per tutta la stagione estiva ed è caratterizzata da piccoli fiori gialli riuniti nelle tipiche infiorescenze ad ombrella. La sua coltivazione è semplice e necessita di solo piccoli accorgimenti: posizione al sole e irrigazione costante.
R

Sapore

delicato, minerale e sapido
R

Aroma

balsamico, mentolato e note di liquirizia
R

Colore

verde intenso

nel
Mondo

Origine della pianta

Sud Europa, Medio Oriente e Caucaso.

I principali produttori delle spezie

India, Ungheria, Polonia, Pakistan, Stati Uniti e Paesi attorno al Mediterraneo sudorientale

Origine

È una pianta originaria del Sud Europa, Medio Oriente e Caucaso

Nome botanico

Anethum graveolens

Periodo fioritura

Fine primavera - estate

Colore del fiore

Giallo, giallo-verde, giallognolo

Periodo basamico

Settembre

Quale parti si utilizza della pianta

Frutti, detti semi

Per non sprecarla:

Le erbe aromatiche, con il loro verde intenso, sono ideali per creare degli originali oggetti decorativi, in grado non solo di abbellire la casa ma anche di contribuire a renderla piacevolmente profumata. Usale per creare centrotavola, barattoli con all’interno composizioni, saponette decorative o candele. Non sprecare le spezie e le erbe aromatiche che hai in dispensa da troppo tempo: dagli una nuova vita.

Ricette
tipiche:

Gravlaks

Miscele dove è presente:

Khmeli-suneli

Storia:

I primi ad utilizzare l’aneto furono i Greci, i quali gli attribuivano proprietà magiche, oltre ad apprezzarlo come ingrediente dei loro panificati. Erano convinti infatti che era in grado di contrastare i sortilegi. Era una spezia molto amata dai Romani ed abbondava soprattutto all’interno dei pasti dei gladiatori, perché erano convinti che fosse in grado di aumentare la forza fisica. Nel Medioevo l’aneto non era apprezzato tanto per i suoi usi culinari, ma piuttosto era considerato un rimedio per stomaco e insonnia. In tempi più recenti, negli Stati Uniti, veniva infine utilizzato come antenato del chewin gum. Venivano infatti dati ai bambini durante i sermoni per farli star buoni.

Curiosità:

Come detto in precedenza, in passato era un’erba aromatica che non poteva mancare nella dieta dei gladiatori dell’Antica Roma. I gladiatori lo utilizzavano, nei piatti, negli infusi e nelle loro bevande energetiche. La usavano anche per coronarsi il capo come simbolo di gioia. I legionari usavano invece i suoi semi bruciati per velocizzare la guarigione delle loro ferite.

le vostre
domande

Dove lo trovo
sullo scaffale?

7° piano
Sezione destra
Colore VERDE

In che formato
è disponibile?

Come si
conserva?

L’ Aneto essiccato va conservato a temperatura ambiente, al riparo dalla luce, in un luogo fresco e asciutto.

Contiene
glutine?

L’aneto in natura non contiene glutine.

Raccolta
differenziata

Verifica le disposizione del tuo comune.

Seguici sui social

error: Contenuto protetto!