PASSION FRUIT

FONTE DI VITAMINA A

Che cosa è il PASSION FRUIT?

Per passion fruit si intende il frutto che cresce dalla Passiflora edulisuna pianta appartenente alla famiglia delle Passifloracee, originaria del Sudamerica. Viene tradotto in italiano come “frutto della passione” o “maracuja”. È un frutto acidulo ma allo stesso tempo dolce e profumato. Ha una forma sferica e la sua polpa è morbida e ricca di semi. Esistono due tipi di passion fruit, che si differenziano tra loro a causa delle dimensioni e per il colore della buccia che può essere rossa o gialla.

Su cosa sta bene?

SAPEVI CHE…?

Il passion fruit è fonte di Vitamina A?
La vitamina A contribuisce al normale metabolismo del ferro, al mantenimento della normale pelle e della capacità visiva; contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario ed interviene nel processo di specializzazione delle cellule.

PROPRIETÀ
NUTRIZIONALI

DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE PER 100G

ENERGIA
GRASSI
di cui acidi grassi saturi
CARBOIDRATI
di cui zuccheri
PROTEINE
SALE
VITAMINA A
1559 kJ / 373 kcal
8.8 g
0.9 g
48.7 g
33.8 g
9.8 g
0.03 g
1771 μg
35% VNR*

A QUANTO CORRISPONDE UN FLACONE?

PROPRIETÀ
NUTRIZIONALI

DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE PER 100 G

ENERGIA: 1559 kJ / 373 kcal

GRASSI: 8.8 g
di cui acidi grassi saturi: 0.9 g

CARBOIDRATI: 48.7 g
di cui zuccheri: 33.8 g

PROTEINE: 9.8 g

SALE: 0.03 g

VITAMINA A:
1771 μg / 35% VNR*

*VNR=Valore nutritivo di riferimento

A QUANTO CORRISPONDE UN FLACONE?

AROMA E GUSTO

Spice up your life.

Il passion fruit è un frutto dalla polpa abbondante, gelatinosa e profumata.

AROMA E GUSTO

Spice up your life.

Il passion fruit è un frutto dalla polpa abbondante, gelatinosa e profumata.

PROVENIENZA E CURIOSITÀ

 

PROVENIENZA

Il passion fruit è un frutto originario del Sudamerica.

 

 

 

CURIOSITÀ

 

Secondo le credenze popolari la pianta del Frutto della passione venne portata in Europa da un missionario agostiniano intorno al 1610, in ritorno da un viaggio in Messico. Decise di portarla con sé in quanto rimase colpito dalla particolare forma del fiore, che gli riportava alla memoria la passione e la crocifissione di Gesù. Questo perché la corona con i filamenti colorati che circondano il frutto richiama alla corona di spine, mentre i cinque stami vengono paragonati alle cinque ferite riportate da Gesù, i tre stagmi richiamano i chiodi utilizzati per la sua crocifissione mentre i cinque petali e i cinque sepali rappresentavano metaforicamente i dieci apostoli rimasti fedeli a Gesù. Da questa visione deriva dunque la denominazione “frutto della passione”.

 

 

 

STAGIONALITÀ

 

In Italia il frutto della passione è generalmente reperibile in qualsiasi periodo dell’anno. La sua disponibilità dipende dal luogo di produzione.

SCOPRI I 5 SAPORI DELLA SALUTE

BIANCO

Questa colorazione è dovuta dalle elevate quantità di betacarotene, una sostanza appartenente alla famiglia dei carotenoidi che il corpo umano converte in vitamina A, essenziale per il compimento di numerose funzioni dell’organismo.
La vitamina A contribuisce al normale metabolismo del ferro e al mantenimento della pelle, della capacità visiva e della funzione del sistema immunitario.
In generale il betacarotene è un potente antiossidante che viene assorbito con i grassi e che se assunto con gli alimenti non è soggetto a sovradosaggio, come può accadere nel caso di un eccessivo utilizzo di integratori.